Mariola di Cotechino Artigianale

È ottenuta dalla cotenna e dagli scarti del maiale e arricchita da un po’ di cotenna accuratamente sminuzzata.  È simile ad un grosso cotechino, anche se in realtà è differente, viene consumata dopo una cottura di circa 3 ore.

Solo per i mesi di Novembre e Dicembre, prelibatezze artigianali per rendere speciale la tavola delle Feste.

 

Descrizione

Mariola di Cotechino Artigianale

Nel corso degli anni, noi norcini della Bassa abbiamo imparato a trarre dal maiale, tutte quelle qualità di salumi che solo in questo piccolo “fazzoletto” di terra si possono gustare.
Il significato originario di mariola è: una “tasca interna e nascosta”.
E’ semplice constatare che nell’anatomia animale sono in molti coloro che hanno nascosta nel loro interno una “tasca”: in questo caso, l’intestino cieco dove viene insaccata.
L’intestino cieco è un involucro che ha particolari caratteristiche di spessore, il tratto del grosso intestino ha soltanto un’entrata e non un’uscita (è per questo che ne facilita la sua insaccatura), la mariola è ottenuta con le stesse parti del maiale utilizzate per fare il cotechino, cioè parti della testa tritate, cotiche e gola, con l’aggiunta di spezie.
Per poterla degustare questo salume va cotto.

Come preparare la mariola di cotechino:

  • Mariola in vescica: mettere a bagno in acqua fredda per una notte prima della cottura;
  • Al momento di cuocerla fate sulla sua superficie dei piccoli fori, aiutandovi con uno stuzzicadenti;
  • Adagiatela in una pentola piena di acqua fredda non salata;
  • Accendete il fuoco e, quando l’acqua inizia a bollire abbassate la fiamma del tutto;
  • Cuocetela a fuoco basso per circa 3ore / 3 ore e mezzo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mariola di Cotechino Artigianale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.